I disturbi alimentari

Tabella dei Contenuti

Disturbi alimentari e la loro importanza per le donne

I disturbi alimentari sono disturbi complessi che hanno un impatto significativo sulla salute delle donne, soprattutto. Possono causare seri problemi fisici e mentali, sia a breve che a lungo termine. Le statistiche sui disturbi alimentari mostrano non solo che è un problema nella nostra società, ma anche che colpisce sproporzionatamente le donne più degli uomini. In questo articolo parleremo delle cause dei disturbi alimentari, di alcuni approcci psicologici al trattamento e di come si può aiutare qualcuno che potrebbe essere alle prese con un disturbo alimentare.

Un problema moderno

La prima cosa da dire è che i disturbi alimentari sono un problema della modernità. L’aumento del numero di persone che soffrono di queste malattie è stato parallelo all’aumento dello sviluppo tecnologico ed economico, così come i cambiamenti nei valori sociali. Ci sono stati molti studi su questo argomento e si è scoperto che le donne sono più suscettibili degli uomini. Ma perché? Ci sono molte teorie, ma le spiegazioni più comuni sembrano essere:
  1. Le donne sono condizionate socialmente fin dall’infanzia a credere che la magrezza e l’autocontrollo portino al successo e alla felicità; penso che sia superfluo citare pubblicità con modelli e modelle belli e magri.
  2. Il corpo femminile è sotto costante esame da parte della società, rendendo le donne più suscettibili a sviluppare disturbi alimentari quando si sentono grasse o fuori controllo. Negli ultimi anni, oltre alle già citate pubblicità, ci sono anche i social media che influenzano pesantemente la mente delle adolescenti, minando la loro sicurezza, con il continuo confronto con i migliori esemplari, soprattutto femminili, di bellezza e superficialità.
  3. L’apparenza estetica e l’identificarsi con il proprio aspetto fisico sono sempre state prerogative femminili, molto più che maschili. Tanto da definire le caratteristiche stereotipiche psicologiche di genere.

Cos’è un disordine alimentare (DCA)

I disturbi alimentari, o Disturbi del Comportamento Alimentare, sono un gruppo di malattie mentali caratterizzate dal comportamento estremo nei modelli alimentari. Possono essere problematici sia mentalmente che fisicamente, con effetti importanti sul metabolismo del corpo, rendendo difficile per le persone aumentare di peso anche quando mangiano a sufficienza, portando alla fame cronica o alla malnutrizione. Ci sono tre tipi principali di disturbi alimentari:
  • l’Anoressia nervosa, che è caratterizzata da una severa restrizione alimentare che porta ad un basso peso e potenzialmente a danni agli organi.
  • La bulimia nervosa, che è caratterizzata da periodi di sovralimentazione seguiti da espulsione attraverso il vomito o l’uso di lassativi.
  • Il disturbo da alimentazione incontrollata, che è caratterizzato da un’alimentazione eccessiva senza i successivi comportamenti di espulsione che caratterizzano la bulimia nervosa.

Fattori che contribuiscono alla patogenesi dei disturbi alimentari

Ci sono molti fattori che possono contribuire allo sviluppo di un disturbo alimentare. Alcune cause comuni includono:
  • vulnerabilità genetica
  • storia familiare di malattie mentali come la depressione o i disturbi d’ansia
  • stress da traumi o altri eventi della vita
  • esposizione ai messaggi dei media sull’immagine del corpo e sulle diete, come menzionato prima
  • tratti di personalità come il perfezionismo o l’orientamento al successo.

Come fai a sapere se hai un disturbo alimentare (Sintomi precoci di un disturbo alimentare)

Oltre ai suddetti fattori di rischio, ci sono alcuni sintomi comuni che possono indicare potenziali disturbi del comportamento alimentare.

Sintomi comuni a tutti e tre i disturbi alimentari

  • depressione
  • bassa autostima
  • pensieri ossessivi su cibo, peso e immagine corporea
  • esercizio fisico eccessivo

Sintomi precoci per l’anoressia nervosa

  • perdita di peso o rifiuto di mangiare abbastanza cibo
  • cambiamenti nella taglia dei vestiti e nella forma del corpo (definito dal sentirsi grassi anche quando si è magri)
  • ritiro sociale

Sintomi precoci per la bulimia nervosa

  • una storia di diete o uso di lassativi nel tentativo di controllare il peso
  • periodi di abbuffate seguiti da purghe attraverso il vomito o l’uso di lassativi
  • ansia di aumentare di peso

Sintomi precoci per il disturbo da alimentazione incontrollata

il Binge Eating Disorder, in inglese, è più difficile da diagnosticare perché non ci sono caratteristiche distinte come gli altri due tipi di disturbi – ma alcuni segni che possono indicare un problema includono:
  • mangiare troppo in segreto senza comportamenti di eliminazione (chiamato “abbuffate segrete”)
  • drammatiche fluttuazioni di peso

L’anoressia nervosa

La peggiore paura delle persone anoressiche è legata alla percezione errata di se stesse. Possono sentirsi grasse, come tutto il corpo, o le critiche potrebbero essere concentrate su alcune parti, spesso la pancia o la regione del sedere. Questo vale per coloro che sono magre ma pensano comunque di non essere belle per via di questi difetti spesso immaginati. Il disturbo dell’immagine corporea non è dovuto ad un disturbo della percezione, in quanto le persone che soffrono di anoressia nervosa tendono a non sovrastimare il peso delle altre persone. La distorsione delle forme altrui può essere presente, ma rimane sempre inferiore a quello che si percepisce per se stessi! La pressione sulle persone che vogliono essere magre è immensa. Viene sempre detto loro che hanno bisogno di più autocontrollo, ma in realtà non c’è niente di sbagliato in loro se non riescono a mantenere una dieta per lunghi periodi di tempo o a smettere di mangiare troppo e queste situazioni spesso riconducono a obiettivi falliti e a sentimenti di inadeguatezza verso se stessi perché nei disturbi del comportamento alimentare come l’anoressia nervosa, si possono ripetere a se stessi cose del tipo: “avresti dovuto essere in grado di fare queste cose meglio di chiunque altro!”

Anoressia nervosa: disturbo alimentare cronico o transitorio?

Dipende tutto da come si affronta il problema. I comportamenti alimentari errati di solito sono il frutto, come abbiamo detto, di bassa autostima, del pensiero di tipo tutto o niente e del perfezionismo, per cui dovrebbe essere sufficiente potenziare queste aree della persona con il disturbo in questione, per vedere se il comportamento cambia di conseguenza.

La bulimia nervosa

Si distingue dagli altri disturbi alimentari per il fatto di mangiare grandi quantità di cibo in poco tempo, indipendentemente dalla percezione di fame. A volte anche indipendentemente dalla percezione del gusto. Spesso la sensazione che ha la persona con il disturbo di bulimia nervosa è di perdita del controllo. Ci si sente come se il comportamento fosse del tutto automatico. Le abbuffate vengono vissute con senso di colpa, per cui alla fine, molto spesso subito dopo, si tende a mettere in atto la condotta di espulsione, che è un’azione volta a compensare l’assunzione di cibo. Tra le condotte di espulsione la più utilizzata è l’autoinduzione del vomito, proprio perché la più immediata. La frequenza delle abbuffate è legata in genere a periodi di forte stress o depressione, e agiscono, dal punto di vista psicologico, come un comportamento compensatorio e liberatorio. La persona che soffre di bulimia non è facilmente distinguibile dalla persona che non soffre affatto di disturbi alimentari, in quanto, proprio per via del comportamento di espulsione, tende ad avere un certo controllo sul peso corporeo.

Binge Eating Disorder o Disturbo da Alimentazione Incontrollata

Più o meno tutto quanto già detto della bulimia vale anche per il binge eating disorder, o disturbo da alimentazione incontrollata, tranne per il fatto che viene esclusa la condotta di espulsione, quindi la persona con questo disturbo alimentare tende a ingrassare, in maniera anche grave. Le abbuffate, solitamente, avvengono all’insaputa delle altre persone, anche dei familiari, inoltre sono piuttosto legate allo stato d’animo o, per meglio dire, all’umore della persona. Il risultato è che la persona con questo disturbo tende fare le abbuffate spesso di notte, quando non c’è nessuno che possa vedere, oltre al fatto che di notte, per via dell’umore basso, spesso è presente anche l’insonnia.

Disturbi alimentari e social media

Come accennato all’inizio, il tasso con cui le persone soffrono di questi disturbi alimentari è aumentato significativamente nell’ultimo secolo, poiché i progressi tecnologici ed economici hanno portato ad una globalizzazione dei valori sociali. I social media sono uno dei principali fattori che contribuiscono a questo fenomeno: hanno dato alle persone una via facile per confrontarsi con gli altri intorno a loro. È più facile che mai confrontarsi con le immagini che si vedono sullo schermo ogni giorno, sia di celebrità che di persone che non hanno mai visto. La costante raffica di immagini può portare a pensieri ossessivi su cibo, peso e immagine corporea. Molti studi hanno dimostrato che le persone che postano più spesso sui social media sono più a rischio di un disturbo alimentare rispetto a quelle che non li usano molto o non li hanno mai usati. Questo perché questi siti permettono agli utenti di aumentare il loro senso di valore e di appartenenza. Molti utenti, infatti, scoprono di poter usare le piattaforme dei social media per imitare i più temerari nell’assunzione smodata di cibo, come nelle cosiddette challenge, o sfide, per entrare virtualmente nella élite delle persone che riescono nell’impresa di mangiare una quantità sovrumana di cibo, per esempio. Senza menzionare le foto del cibo che circolano sui social da anni. Al punto che per alcune persone è impensabile andare a mangiare al ristorante senza aver prima fotografato e postato sui social il piatto appena arrivato. Insomma ci sono pochi dubbi che negli ultimi anni, il numero di persone con disturbi alimentari è aumentato significativamente perché sempre più persone usano i siti di social media per confrontarsi con le immagini dei loro amici su Instagram o Facebook. Oggi, molte ragazze e giovani adulte postano foto di selfie troppo filtrate in bikini su Instagram e Facebook. Questo è un segno che molte ragazze hanno interiorizzato l’idea di essere magre come belle, il che significa che sono più suscettibili di sviluppare un disturbo alimentare.

Gli effetti del cibo sul corpo

Gli effetti che questi disturbi alimentari possono avere sulla salute fisica delle donne sono scioccanti: ogni anno più di 30 milioni di persone negli Stati Uniti, tra cui sei milioni di adolescenti femmine (soprattutto di età 15-19), soffrono di disturbi alimentari. Molte di queste persone riferiscono di fare troppo esercizio fisico, di mangiare poco in un giorno o addirittura di spurgare il loro cibo vomitando o usando lassativi per evitare l’aumento di peso e mantenere l’immagine del corpo “perfetto”. Gli effetti fisici di questi disturbi comprendono:
  • osteoporosi
  • perdita di capelli (alopecia)
  • danni al cuore o ad altri organi
  • infertilità
  Senza trattamento, questi disturbi possono portare alla morte, a causa di complicazioni da suicidio, malnutrizione o squilibrio elettrolitico (come la disidratazione). Gli effetti psicologici dei disturbi alimentari sono anche gravi: molti malati provano vergogna per la loro immagine corporea e sentimenti di odio verso se stessi.Questi sentimenti possono portare alla depressione e ad altri disturbi mentali. Molte persone che soffrono di disturbi alimentari lottano anche con:
  • problemi di abuso di sostanze
  • ansia o attacchi di panico
  • disturbo ossessivo compulsivo (OCD)
  • dipendenza da siti di social media come Facebook o Instagram
  • cambiamenti di personalità
  • una bassa autostima
  • un’immagine distorta del proprio corpo.

Opzioni di trattamento per i disturbi alimentari

I disturbi alimentari possono essere trattati per una varietà di motivi. Psicologi e psichiatri possono usare la psicoterapia cognitivo comportamentale (CBT) per aiutare una persona a guarire da un disturbo alimentare, mentre i medici o i dietologi potrebbero raccomandare farmaci come gli antidepressivi per trattare gli effetti fisici di queste malattie. Molti malati, erroneamente, si rivolgono ai siti di social media per cercare di cambiare la loro immagine corporea, il che potrebbe significare che stanno già soffrendo di un disturbo mentale o di una dipendenza. Poiché i disturbi alimentari possono essere così pericolosi per la salute fisica e mentale, è importante che chi ne soffre cerchi un trattamento il prima possibile. In una psicoterapia, per esempio, il paziente potrebbe identificare cosa ha scatenato l’insorgenza del disturbo alimentare, come il sentirsi a disagio in costume da bagno, e fornire meccanismi di coping sani per affrontare la causa scatenante.

Suggerimenti per aiutare qualcuno con un disturbo alimentare

Se conosci qualcuno che ha un disturbo alimentare, è importante essere di supporto e cercare di non criticare. Questo tipo di persona può sentirsi eccessivamente sensibile o sulla difensiva quando viene criticata per il suo comportamento. Soprattutto, non farli sentire in colpa per quello che hanno fatto, come “lo fai solo perché vuoi attenzione” o “lo stai facendo solo per essere magra”. Invece, prova ad offrire aiuto e sostegno chiedendo loro di cosa hanno bisogno. Per esempio, se la tua amica ha un disturbo alimentare che la porta a fare troppo esercizio fisico o a digiunare per un certo periodo di tempo ogni giorno, puoi invece offrirti di fare una passeggiata con lei. Se una persona si rifiuta di farsi aiutare per un disturbo alimentare, puoi offrire altri metodi di supporto, ma in alcuni casi può essere necessario intervenire contattando i servizi sociali o le forze dell’ordine se c’è qualche indicazione che la persona rischia di farsi del male.
Dr. Paolo D'Alessandro - Psicologo Psicoterapeuta
Dr. Paolo D'Alessandro - Psicologo Psicoterapeuta

Lavoro con i pazienti da più di 15 anni e mi piace aiutarli a superare le loro paure. Dal 2006 mi occupo prevalentemente di Ansia da prestazione, Attacchi di panico e Ansia sociale. Collaboro con l'AIPAP, l'associazione italiana per la psicoterapia degli attacchi di panico, di cui sono socio fondatore.

Ho tre figli e una moglie che amo molto. I miei interessi includono la tecnologia e le nuove sfide, sia in ambito clinico che imprenditoriale.