1. Psicologo Roma Eur
  2. /
  3. Parliamo di Psicoterapia
  4. /
  5. Benessere psicologico: come coltivare...

Benessere psicologico: come coltivare un rapporto sano con se stessi

Tabella dei Contenuti

È importante fare quello che si può, per il proprio benessere psicologico. Quando siamo in sintonia con i nostri pensieri, sentimenti e impulsi, possiamo prendere decisioni migliori che ci aiutano a sentirci più forti. Questo articolo parlerà di come coltivare l’autostima e un rapporto sano con noi stessi.

I segnali che potresti aver bisogno di coltivare l’autostima

Una delle cose più importanti da fare quando si tratta di coltivare l’autostima è trovare la tua voce e ascoltare ciò di cui hai bisogno. Siamo tutti individui con i nostri bisogni che possono essere diversi da quelli di qualcun altro. Questo significa che dobbiamo ascoltare attentamente noi stessi per soddisfare al meglio quei bisogni. Se qualcosa non va dovremmo preoccuparci di capire di cosa si tratta e affrontarlo.

Uno dei segnali di avvertimento che è il momento di iniziare ad ascoltare te stesso è che ti ritrovi a giudicare duramente gli altri. Questo può essere un segno che hai bisogno di più comprensione e compassione per chi ti circonda o anche per te stesso, il che potrebbe portare a sentimenti di colpa se ci spingiamo troppo oltre senza alcuna considerazione. Altre volte questo può essere un segno che dobbiamo assumerci più responsabilità per le nostre azioni e non incolpare gli altri.

Siamo tutti individui unici con diverse personalità, background, valori, credenze e bisogni. Per sentirci bene con noi stessi, è importante celebrare questa diversità così come le cose che ci rendono speciali – che siano talenti o hobby o interessi personali.

L’importanza dell’autostima è spesso sottovalutata. A volte può essere un grande motivatore e ci aiuta a superare compiti difficili o a superare la fine di relazioni che non hanno funzionato come previsto. Diventa più importante quando iniziamo a sentirci meno sicuri di noi stessi e delle nostre capacità perché questo potrebbe portare a sentimenti come la vergogna, il senso di colpa, e la depressione.

È importante ricordare che siamo tutti degni di amore, rispetto, comprensione e compassione, non importa quale sia la situazione. Quando si coltiva l’autostima è anche vitale lavorare sull’accettazione di noi stessi e degli altri per quello che sono, difetti inclusi. Questo può farci sentire più sicuri di noi stessi.

Come puoi sapere se sei in contatto con le tue emozioni, pensieri e impulsi?

Prima di tutto poniti alcune domande:

  • Ti senti come se fossi fuori controllo?
  • I tuoi sentimenti e pensieri interferiscono con i compiti importanti della vita come il lavoro, lo studio o le relazioni?
  • È difficile per te dormire bene la notte a causa della preoccupazione per quello che succede nella tua testa?

Se questo suona come familiare, allora vuol dire che potrebbe essere il momento per te di esaminare il rapporto che hai con te stesso.

Benessere psicologico: autostima
Benessere psicologico: autostima

Il primo passo è fare alcune domande serie:

  • Quali sono i miei punti di forza?
  • Cosa mi piace fare nella vita?
  • Cosa mi entusiasma e cosa prosciuga la mia energia?

Questo tipo di auto-riflessione può aiutare a capire meglio se stessi e le proprie motivazioni.

Il passo successivo è quello di iniziare a cercare dei modi di prendere cura di te stesso su base giornaliera. L’esercizio fisico, il sonno regolare e una buona alimentazione possono aiutare le persone a sentirsi meno ansiose e stressate durante il giorno. È anche importante essere aperti a cercare un supporto professionale nei momenti difficili come quando trovi difficile controllare le tue emozioni in modo che non interferiscano con il lavoro, lo studio o le relazioni.

Quali sono gli indicatori del benessere psicologico?

Potresti non essere in sintonia con te stesso se ti sembra che niente vada bene. Hai difficoltà a prendere decisioni e sei sempre in ansia per qualcosa. O forse è che il tuo benessere fisico sta soffrendo, o perché stai mangiando troppo o facendo poco esercizio fisico. Anche le tue relazioni romantiche potrebbero soffrire a causa di alcuni comportamenti autolesionisti.

In questi casi, il primo passo per tornare in pista è riconoscere ciò che deve essere sistemato. Per affrontare questo problema a testa alta, dobbiamo lavorare dall’interno: mente, corpo e connessioni sociali (amici e famiglia).

Puoi imparare a coltivare un rapporto sano con te stesso attraverso esercizi di mindfulness e gentilezza. Sarai in grado di esplorare i tuoi pensieri, sentimenti e sensazioni mentre pratichi un’autentica relazione di autoconsapevolezza senza giudizio.

Benessere psicologico checklist
Benessere psicologico checklist

I seguenti punti potrebbero indicare che non sei in sintonia con te stesso. Nota bene: durante un determinato periodo particolarmente stressante, la gravità di alcuni fattori può cambiare. Inoltre, tieni presente che questi indicatori possono variare a seconda della tua età o di altri fattori come stare o non stare in una relazione stabile, avere una famiglia e degli amici, tanto per fare alcuni esempi.

Di seguito gli indicatori del fatto che potresti non essere in sintonia con te stesso.

Salute psicologica

Il disagio psicologico o la sensazione di essere sopraffatti dai propri pensieri può essere un’indicazione che potresti non essere in sintonia con te stesso. Questo può manifestarsi come:

  • difficoltà a dormire
  • mangiare troppo o troppo poco
  • avere meno interesse per le attività che una volta ti piacevano
  • eccessiva preoccupazione per le cose fuori dal tuo controllo
  • comportamenti autolesionisti per alleviare l’ansia, la rabbia o il dolore
  • incapacità di mantenere amicizie strette
  • trovi difficile divertirti senza alcol o droga presenti in ogni momento

Angoscia

Sentirsi soli o isolati dagli altri può anche indicare che non sei in sintonia con te stesso. Questo può manifestarsi come:

  • difficoltà a prendere decisioni
  • sentirti incapace di fare una scelta perché è troppo difficile o può causare disagio psicologico
  • sentire che non hai autonomia e non puoi fare nulla senza l’aiuto di qualcun altro
  • avere difficoltà a capire le prospettive degli altri e i sentimenti verso di loro

Autostima positiva

L’autostima positiva, o semplicemente autostima, è il sentire di essere competente, capace di fare le cose bene o, almeno, in modo adeguato per avere successo nella maggior parte delle circostanze. Questa sensazione non deve essere sempre vera perché sia indice di salute psicologica ma deve persistere per un periodo di tempo.

Al contrario, pensare a se stessi come superiori, sia intellettualmente che socialmente, senza che ci sia una buona ragione, può anche essere un indicatore che qualcosa non va, al livello di salute psicologica, perché questo significherebbe provare meno empatia (vedi più avanti l’empatia).

Autostima negativa

Questo termine si riferisce a pensieri negativi su te stesso come il sentirsi poco attraenti o il non essere abbastanza bravi. Questi problemi psicologici sono un segno che non sei in sintonia con te stesso, perché ti puoi sentire inferiore rispetto agli altri e indegno di attenzione, il che può portare all’auto-sabotaggio sotto forma di comportamenti disadattivi, come l’uso di sostanze o alcol, mangiare o bere troppo, e così via.

Auto-affermazione

Ricordare a se stessi il proprio valore, la propria competenza e adeguatezza per contrastare i pensieri negativi è indice di benessere psicologico. Potrebbe includere cose come scrivere affermazioni positive su base regolare o parlare delle proprie buone qualità con amici e familiari.

Oppure facendo qualcosa per se stessi senza avere aspettative sugli altri, come, ad esempio, il prendersi cura di sé quando si è malati piuttosto che cercare di chiedere aiuto agli amici che non hanno tempo (vedi più avanti l’autonomia e indipendenza).

Accettazione di sé

L’ accettazione di sé, o auto-accettazione, è la capacità, per le persone che sperimentano difficoltà psicologiche, di essere in grado accettare il disagio psicologico e non rifiutarlo. Questo è un indicatore di benessere psicologico perché è in grado di accettare se stesso come “difettoso“, ma ancora meritevole di amore, amicizia, successo, ecc.

Sensazione di avere uno scopo

Avere uno scopo nella vita significa sentire di fare qualcosa di significativo o essere coinvolto in attività che aiutano gli altri; questo può includere volontariato o attivismo sociale, tra le altre cose. Ma anche pensare a se stessi come a una parte dell’universo che ha il suo posto semplicemente esistendo può dare una sensazione piacevole di utilità.

Esistenza significativa

Avere un’esistenza significativa è la capacità, per le persone che sperimentano difficoltà psicologiche, di sentire che la loro vita è stata utile nonostante tutte le sfide che hanno dovuto affrontare. Questo potrebbe essere indicativo di benessere psicologico, soprattutto se questi sentimenti persistono nel tempo, piuttosto che solo nei momenti difficili.

Sensazione di controllo sulla propria vita

Sentirsi competente e nel controllo della propria vita. Questo potrebbe essere manifestato da una persona che sente di avere le capacità per ottenere ciò che vuole dalla vita o che è in grado di gestire i suoi livelli di stress, tra le altre possibili manifestazioni.

Attenzione. A volte per avere il controllo sulle cose che non si possono controllare, occorre sapersi lasciare andare un po’, per mantenere tutto il controllo possibile in quel determinato momento. Come manovrare una barca a vela quando c’è molto vento.

Cura di sé

Impegnarsi in attività di cura di sé, come passare il tempo con gli amici, fare qualcosa di creativo e significativo (scrivere, suonare, dipingere) senza avere distrazioni è indicatore di benessere psicologico perché permette alle persone di smettere di concentrarsi sui problemi e concentrarsi invece sulle parti di sé che di solito le persone più stressate trascurano.

Empatia

L’empatia è la capacità di capire i sentimenti di qualcun altro anche se tu stesso non condividi quei sentimenti. Questo significa essere psicologicamente sani, il che può manifestarsi attraverso il volontariato o l’attivismo sociale o essere disponibile quando gli altri hanno bisogno di sostegno, almeno entro i limiti autoimposti.

Autonomia e indipendenza

Il benessere psicologico è indicato anche dalla capacità di prendere le tue decisioni su ciò che vuoi senza sentirti sotto pressione o costretto, come cambiare lavoro, seguire le proprie passione, rinunciare al partner quando la relazione è finita e via dicendo.

Autocompassione

Da non confondere con l’autocommiserazione, l’autocompassione significa essere gentili e comprensivi verso se stessi nei momenti di difficoltà. In italiano, il termine potrebbe portare al significato di compatirsi, ma qui viene usato nell’accezione del neologismo che deriva dal termine inglese self-compassion, usato soprattutto nella mindfulness e che indica appunto la comprensione di sé, la gentilezza verso se stessi e l’accettazione dei proprio limiti. Limiti che possono anche essere superati, naturalmente, ma solo se prima vengono riconosciuti e accettati.

Cosa fare per stare meglio

  • Se ti senti solo o triste, ma vuoi comunque mantenere i tuoi obblighi della vita quotidiana, assicurati di aver riservato del tempo nella giornata per la cura di te stesso. Questo potrebbe includere fare una passeggiata per conto tuo, fare un pisolino o fare un bagno, tanto per fare degli esempi.
  • Concediti il permesso di rallentare e prenderti cura di te stesso, se questo è ciò di cui hai bisogno.
  • Datti il permesso di non assumerti responsabilità che sono troppo, per te, in questo momento.
  • Trova un equilibrio tra il dare e il prendersi cura degli altri, specialmente nelle relazioni con i membri della famiglia o gli amici più stretti.
Benessere psicologico: prendersi cura di sé
Benessere psicologico: prendersi cura di sé
Alcuni dei cambiamenti di stile di vita più comuni e d’impatto sono le abitudini di sonno e l’assunzione di cibo. Può essere difficile cambiare queste cose, ma potrebbe essere molto vantaggioso. Il primo passo è identificare i fattori di stress nella tua vita e poi fare un piano per combattere lo stress. Di seguito ci sono alcuni esempi specifici di come puoi scegliere di aiutarti ad alleviare lo stress con questi cambiamenti:
  • Programma del sonno: Prova a stabilire un orario per svegliarti e andare a letto alla stessa ora, notte dopo notte. Questo darà al tuo corpo l’opportunità di costruire una coerenza nel suo ciclo e alla fine permetterà un sonno più riposante.
  • Mangiare sano: Assicurati di mangiare cibo di alta qualità che ti fornisca sostentamento e carburante per uno stile di vita sano e attivo. Mangia più cibi a base vegetale, mangia porzioni più piccole e bilancia la tua assunzione di cibo con un regolare esercizio fisico.
  • Esercizio fisico: Pianifica un tempo ogni giorno per fare qualche forma di attività fisica come camminare, correre, andare in bicicletta, fare stretching o yoga. Scegli qualcosa che ti piace in modo che rimanga parte della routine a lungo termine.
  • Meditazione: Metti da parte 30 minuti al giorno (o più) per sederti in silenzio e concentrarti sul tuo respiro. Questo ti aiuterà a centrarti, a ridurre lo stress e ad entrare in contatto con il momento presente. Puoi cominciare con un minuto al giorno e aumentare questo tempo a mano a mano che diventa un’abitudine.
Dr. Paolo D'Alessandro - Psicologo Psicoterapeuta
Dr. Paolo D'Alessandro - Psicologo Psicoterapeuta

Lavoro con i pazienti da più di 15 anni e mi piace aiutarli a superare le loro paure. Dal 2006 mi occupo prevalentemente di Ansia da prestazione, Attacchi di panico e Ansia sociale. Collaboro con l'AIPAP, l'associazione italiana per la psicoterapia degli attacchi di panico, di cui sono socio fondatore.

Ho tre figli e una moglie che amo molto. I miei interessi includono la tecnologia e le nuove sfide, sia in ambito clinico che imprenditoriale.

Pin It on Pinterest

Share This